PrintFriendly

Cari Fedeli, sorelle e fratelli in Cristo, Figlio di Dio e di Maria,

alla fine di ogni anno e in previsione di uno nuovo, ogni agenzia seria fa dei bilanci e delle previsioni. La nostra non è una agenzia ma una famiglia di fede che ha anche bisogno di essere controllata e ben animata.
Noi salesiani siamo a Castel Gandolfo da ottantanove anni e noi, salesiani di oggi, riteniamo una grazia di Dio aver avuto l’obbedienza di venire a lavorare in questa Parrocchia benedetta dalla vostra fede, da quella delle persone che ci hanno preceduti e da tante persone sante che sono in questa cittadina.
La nostra eredità, della quale viviamo ancora, è il lavoro indefesso dei salesiani che ci hanno preceduto e che tutti voi avete amato per la loro dedizione, il loro amore alla gente del quartiere e della città. Vi hanno voluto tanto bene e voi gliene avete voluto altrettanto.

I PARROCI NELLA PARROCCHIA S. TOMMASO DA VILLANOVA

(erezione canonica 14.11.1934 – riconoscimento civile 29.11.1986)

Voglio ricordarvi i nomi dei parroci che mi hanno preceduto. A molti di voi diranno certamente qualcosa:
1. Don Crispino Guerra, dal 1929 al settembre 1936 (7)
2. Don Giuseppe Gentile, da settembre 1936 al 12.11.1938 (2), Economo Curato
3. Don Dino Sella, dal 13.11.1938 al 16.05.1964 (26), Arciprete
4. Don Mario Sirio, dal 24.06.1964 al 15.05.1970 (6), Arciprete
5. Don Angelo Di Cola, dal 15.06.1970 al 21.10.1973 (3), Arciprete
6. Don Fiorangelo Pozzi, dal 23.10.1973 al 30.09.1979 (6), Arciprete
7. Don Antonio Caroppoli, dal 01.10.1979 al 03.10.1986 (7), Arciprete
8. Don Carlo Bressan, dal 04.10.1986 al 14.10.1992 (6), Arciprete
9. Don Claudio De Portu, dal 15.10.1992 al 01.09.1998 (6), Arciprete
10. Don Giorgio Marchiori, dal 01.09.1998 al 30.08.2002 (4), Arciprete
11. Don Waldemar Niedzolka, dal 01.09.2002 al 30.09.2010 (8), Amministratore Parrocchiale
12. Don Pietro Diletti, dal 01.10.2010 al 11.09.2017 (7), Arciprete
13. Don Enzo Policari, dal 11.09.2017, Arciprete
Molti di loro sono già passati alla casa del Padre e ora dal cielo certamente ci proteggono.

E’ bello e giusto per noi, all’inizio di questo nuovo anno ricordare quelle persone, come certamente fate anche voi con i vostri morti, che ci hanno voluto bene e ai quali abbiamo voluto bene anche noi. Per noi, visto la loro esperienza di vita salesiana e la testimonianza di lavoro e di fedeltà a Don Bosco sono stati un punto di riferimento notevole.

La Congregazione salesiana di Castel Gandolfo

I Salesiani nella nostra opera di Castel Gandolfo, a oggi, sono quattro. Quando ragioniamo tra noi confratelli e consideriamo che tante parrocchie hanno un solo sacerdote, ringraziamo il Signore della nostra Comunità variegata e abbastanza numerosa. Il Signore che è capace di agire anche con mezzi inadeguati sarà capace di fare grandi cose in noi e in voi, che la Provvidenza ha affidato alle nostre cure pastorali. Noi ci mettiamo a sua disposizione con umiltà e coraggio.

La nostra comunità è testimoniante specialmente nella vita fraterna e di preghiera.
Abbiamo ogni giorno le nostre pratiche di pietà comunitarie alle 7.45 del mattino per meditazione, alla quale segue la preghiera di Lodi che celebriamo con la comunità parrocchiale durante la messa delle 8.30, la preghiera dell’ora media e la lettura spirituale alle 12.45 e la celebrazione dei vespri alle 19.50.
Alle pratiche di pietà siamo sempre tutti presenti e anche ai momenti dei pasti comuni non manca mai nessuno, se non per motivi particolari o di apostolato.
Una giornata settimanale, il giovedì, è dedicato alla formazione spirituale della comunità: ritiro, incontro dei sacerdoti del presbiterio, assemblea, incontri comunitari e distensione.

La nostra e vostra comunità è così composta:

* Io sono don Enzo Policari, Direttore e anche il Parroco della Parrocchia pontificia ed economo della comunità salesiana. Ho ormai 75 anni (la “quota 100″ ormai superata da tempo, ma don Bosco ci diceva che la nostra pensione sarà in Paradiso…) Cerco di curare e animare la comunità salesiana, le strutture di animazione parrocchiali e il rapporti con la diocesi e la Santa Sede. Ha anche l’incarico di animazione del personale Vaticano che lavora nel palazzo papale e nelle ville pontificie. Mi preoccupo dei molti matrimoni che si celebrano nella nostra Chiesa. Sono giunto a Castel Gandolfo da un anno e 3 mesi, ma già mi trovo a casa. Vi ringrazio della vostra accoglienza familiare.

* D. Gesuino Maccioni è il Vicario del direttore e vicario parrocchiale con l’incarico specifico della cura dei battesimi (in Parrocchia molto numerosi, circa cento ogni anno). Ha l’incarico della cura pastorale della chiesa di S. Paolo nella quale celebra l’eucarestia ogni pomeriggio e la domenica alle ore 10.30. E’ presente nell’ufficio parrocchiale per le pratiche e le confessioni e svolge anche il servizio di provvedere alle le necessità materiali dei confratelli. E’ a Castel Gandolfo da oltre 4 anni.

* D. Natalino Parodi ha svolto gran parte della sua vita salesiana nelle missioni dell’Africa; si occupa particolarmente della cura dei malati e delle persone anziane. E’ Vicario parrocchiale e ha l’incarico di curare particolarmente la Catechesi di iniziazione cristiana. Celebra la messa ogni giorno feriale in parrocchia e la domenica alle 10.00 con i bambini di iniziazione cristiana e con i ragazzi in preparazione alla cresima. Cura anche la formazione dei genitori dei ragazzi e giovani. Celebra anche la Messa domenicale della sera nella chiesa parrocchiale. Si presta per il sacramento della Penitenza e la cura di alcuni gruppi familiari; si cura di animare spiritualmente l’Oratorio in collaborazione con il Sig. Pasquale. E’ a Castello dall’estate dell’anno scorso.

* Sig. Pasquale Granata, coadiutore salesiano, ha l’incarico prioritario della cura dell’Oratorio quotidiano, di cui è l’incaricato ufficiale Si preoccupa anche dell’organizzazione della catechesi di iniziazione cristiana e si preoccupa dell’animazione dei canti nella chiesa parrocchiale. Anima anche le Messe con il suono dell’organo.
Con il suo arrivo, sei anni fa, l’oratorio è rifiorito e ora è un punto di riferimento, come in passato, per i giovani che lo frequentano. Si preoccupa anche dei gruppi giovanili e di adulti e dei gruppi musicali. Incarna la figura del salesiano laico, con voti.

* La famiglia salesiana di Castel Gandolfo, oltre ai salesiani vede anche la presenza di due comunità delle Figlie di Maria Ausiliatrice (le suore di Don Bosco), una delle quali è il noviziato internazionale e l’altra una casa di spiritualità.

* I Salesiani Cooperatori, salesiani laici nel mondo, con le loro famiglie e il loro lavoro, sono stati fondati da Don Bosco e qui a Castello sono in fase di riconoscimento ufficiale nella nostra opera. Raccoglierà tutti i cooperatori che gravitano nei castelli romani. Quella dei Cooperatori è una vocazione laicale che con le suore e i salesiani costituisce la “famiglia di Don Bosco”.

* Gli ex allievi: tutti coloro che hanno frequentato un ambiente salesiano e che fanno parte della nostra famiglia “per l’educazione ricevuta”. Non costituiscono, al momento, un gruppo regolare; presto speriamo di vederli all’opera in maniera ufficiale. Qui a Castello, siamo un po’ tutti ex allievi.

I gruppi oratoriani e parrocchiali

I gruppi che frequentano la parrocchia sono numerosi:

* Gruppi oratoriani: Gruppi del post cresima, aiuto animatori, animatori, catechisti di iniziazione cristiana; gruppi musica: flauti, chitarra,strumentisti della fanfara, della orchestra giovanile D. Bosco, Corali giovanile e di adulti molto validi. Qualificante per la nostra parrocchia salesiana è anche il gruppo di cultura teatrale e musicale Diapason, professionalmente molto preparati e ben animati.

* Gruppi parrocchiali

  • La Caritas è ben strutturata e attiva
  • Associazione Devoti di Maria Ausiliatrice, in fase di ripresa
  • Azione Cattolica,
  • Gruppo liturgico,
  • Corali che animano ogni messa domenicale e festiva,
  • Confraternita della Coroncina e del SS Sacramento di antichissima tradizione, certamente la più antica della diocesi. Forse è stata istituita nel 1661.

Le chiese della Parrocchia

La nostra parrocchia si preoccupa dell’animazione di 3 chiese diverse:

  • quella parrocchiale dedicata a S. Tommaso da Villanova
  • quella del quartiere S. Paolo, dedicata a Maria Ausiliatrice
  • quella dedicata alla Madonna del Lago.

Per ognuna delle chiese c’è una festa patronale:

  • S. Sebastiano il 1 settembre nella chiesa del Bernini
  • Maria Ausiliatrice, la domenica più vicina al 24 Maggio, al quartiere S. Paolo
  • la Madonna del lago, l’ultima domenica di Agosto.

La frequenza ai sacramenti è discreta: celebriamo 3 messe nei giorni feriali e 6 nei giorni festivi. Le confessioni sono puntuali e le comunioni numerose. Poche le S. Messe per i defunti)

La nostra parrocchia che conta circa 4.000 persone, è ricca di doti che il Signore ha dato a ciascuno di voi. L’aiuto non manca.

La catechesi di iniziazione cristiana

L’animazione catechetica è interamente posta nelle mani di fedeli preparati e zelanti. Il numero dei catechisti è in aumento. I genitori stanno pian piano prendendo coscienza che l’educazione dei figli è loro compito quindi partecipano a incontri di animazione con gli educatori alla fede che la parrocchia propone. I bambini e ragazzi sono numerosi, forse troppo…  La loro frequenza alle attività di catechesi e alla messa domenicale mi sembra soddisfacente anche se alcuni vengono da altre parrocchie. Il nostro orientamento è quello di curare prioritariamente le persone della nostra parrocchia. Anche la preparazione ai battesimi è ben curata da Don Gesuino che prima di celebrare il battesimo, durante una messa domenicale alle ore 12.30 ha cura di incontrare per una catechesi i genitori e i padrini.

La pastorale familiare

All’inizio dell’anno avevamo ripreso gli incontri con le famiglie e abbiamo tentato di leggere e commentare insieme l’esortazione apostolica di Papa Francesco “Amoris laetitia”; purtroppo, questa iniziativa, che è partita bene,, pian piano si è esaurita.

La Caritas

La Caritas, funziona ancora con dignità grazie alla generosità e dedizione di alcune, purtroppo poche persone. Si richiederebbero anche forze nuove. Grazie della vostra generosità dimostrata nel rispondere alle raccolte che la chiesa organizza: carità del Papa, Missioni, infanzia missionaria, sostentamento al clero, abbiamo sempre offerto alla diocesi delle somme dignitose. Anche la colletta organizzata quest’anno per la ristrutturazione dell’Oratorio ha fruttato 3600,00€ alle quali abbiamo aggiunto altre 13.000,00 per la ripulitura degli ambienti e la funzionalità delle aule di catechesi.

Vista la difficoltà, causa la non più giovane età delle persone sensibili di prodigarsi per la pulizia della nostra bella chiesa, un gruppo di persone raccoglie fondi per la pulizia settimanale. Grazie a tutti coloro che nel silenzio provvedono a questo.

L’oratorio

L’oratorio è in pieno sviluppo. I giovani sono aumentati e le attività sono numerose. Cominciano a nascere vari gruppi che l’incaricato dell’oratorio segue puntualmente e con competenza. Purtroppo le strutture edilizie dell’oratorio non sono in ottime condizioni . L’anno che sta per terminare abbiamo ripulito i muri, per quest’anno sogneremmo di fornire ai nostri giovani dei campi decenti su cui giocare in serenità. Sognare non fa male e se è vero che la santità è alimentata dal desiderio, perché non potrebbe essere lo stesso per una campo in erba sintetica per i nostri ragazzi?

Il Consiglio Pastorale Parrocchiale

Il CPP radunato poche volte e le varie commissioni (liturgia, Caritas e problemi sociali, pastorale giovanile e catechesi di iniziazione cristiana, cultura e comunicazione, Evangelizzazione catechesi degli adulti, (radunate più spesso come consiglio di coordinamento) sono tutte costituite da parrocchiani , zelanti e competenti che mettono a disposizione le loro capacità per il bene della parrocchia.

Il Consiglio Pastorale per gli Affari Economici

Il CPAE è di grande aiuto per i problemi economici della parrocchia. Vorrei chiarificare un luogo comune acclarato, particolarmente per la nostra parrocchia che è una delle due parrocchie pontificie esistenti all’interno della Chiesa: per l’economia ci pensa il Vaticano. Questo non è assolutamente vero. Il Vaticano pensa alla manutenzione straordinaria della nostra chiesa e canonica, ma le spese generali: ristrutturazione ordinaria, pagamento delle forniture varie, tasse di ogni tipo, assicurazioni e altro sono completamente a nostro carico e a questo provvediamo con l’aiuto del sostentamento clero, con le vostre offerte e mantenendo una economia oculata e controllata. In questo il CPAE ci è di grande aiuto.
Il resto dell’economia della parrocchia è abbastanza tranquilla, anche perché non abbiamo grandi esigenze. Paghiamo regolarmente le bollette della parrocchia e dell’Oratorio. Non navighiamo nell’oro ma non ci manca nulla. Come vedete anche dal nostro stato fisico non soffriamo la fame. La nostra casa nell’edilizia non è molto ben messa ma pian piano stiamo provvedendo. Ringraziamo comunque il Signore di tutto ciò che abbiamo.

Le iniziative pastorali

Quest’anno abbiamo ripetuto l’esperienza molto positiva della “pastorella” e ripeteremo a breve la festa di Don Bosco in piazza, attività che mostrano all’intera cittadina la vivacità della nostra parrocchia. Grazie per la corresponsabilità di tanti di voi. Il Signore in questo nuovo anno che stiamo iniziando ci mostri il suo volto e conceda a tutti noi la sua pace.

I collaboratori della Parrocchia

Un ringraziamento particolarissimo ad alcune persone senza le quali la nostra parrocchia non potrebbe funzionare perfettamente:
Il diacono Erminio, il ministro straordinario dell’Eucarestia e responsabile della sacrestia e dell’altare Sandro, l’ostiario e custode vigile della Chiesa Maurizio, l’ex sacrista Emilio, i custodi della chiesa Madonna del lago Emilio e Mina . Un saluto e ringraziamento specialissimo al ministro straordinario Mauro, da tutti conosciuto come “il Parroco di S. Paolo”. Grazie veramente a tutti questi collaboratori speciali.

Un cordiale augurio a tutti voi fedeli, un saluto e un ringraziamento alle autorità politiche e militari che sono a servizio del nostro bene comune.

Le statistiche parrocchiali

Ora qualche cifra che sa più di curiosità che di altro

  • BATTESIMI 95 maschi 50 femmine 45 L’anno scorso 100 battesimi
  • PRIME COMUNIONI 65 29 M 36 F l’anno scorso 56

I ragazzi che si preparano alla prima comunione sono 163 anno scorso 185
42 di 3a elem 1° anno 51 di 4°a el. 2° anno e 70 di 5°a elem 3° anno

  • CRESIME 2018 29 anno scorso 13 cresime

I giovani che si preparano alla cresima sono 36 anno scorso 26
di cui 14 (3°a Media per il 1 anno 22 per il 2° anno (1° sup) (8 m e 14 f)

Complessivamente i ragazzi di iniziazione cristiana sono 199 anno preced. 244

  • ORATORIO ESTATE RAGAZZI Giugno-Luglio 269 135 m 134 f

Gli animatori durante l’Estate Ragazzi sono stati 46 mentre quelli stabili sono 22

Quest’anno abbiamo 1 ragazzo e 1 ragazza che svolgono il servizio civile all’Oratorio

  • MATRIMONI 58 (solo 3 della nostra parrocchia) anno scorso 50
  • DEFUNTI 30 16 donne 14 uomini anno scorso 50

+ vecchio 97 Luigi + giovane 59 (Stefano) maschi età media 85,5% a.scorso 78,87
+ vecchia 95 (Adalgisa ) + Giov.57 1(Antonella) femmine età media 81,75% a.scorso . 86,88